Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

ACCONTO IMU 2018

scadenza 18 giugno 2018

Dettagli della notizia

Si informano i contribuenti interessati che in data 18/06/2018 scade il termine per il versamento dell'acconto IMU dovuta per l'anno di imposta 2018.
Ai sensi dell'art. 13 comma 13 bis Decreto Legge 201/2011 (Imu) l'acconto è determinato applicando alla base imponibile le aliquote stabilite dal Comune per l'anno 2018, nelle misure così determinate dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 4 del 29.03.2018:
- aliquota ordinaria 1,06%;
- aliquota abitazione principale, limitatamente ai fabbricati accatastati in categoria A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze (nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle cat. C/2, C/6 e C/7): 0,40%
- di confermare le detrazioni per l’abitazione principale nella misura di euro 200,00 prevista dal D.L. 201/2011, art. 13, comma 10, limitatamente agli immobili classificati nelle categorie catastali A/1- A/8- A/9;
- aliquota per gli immobili posseduti degli ex Iacp e regolarmente assegnati: 0,76% con detrazione dell’imposta dovuta di euro 200,00;
Il versamento si effettua tramite modello F24 (codice catastale del comune I800) presso qualsiasi sportello bancario o postale.
Si informa che con decorrenza dall’anno d’imposta 2016 opera:
• Riduzione IMU per abitazioni concesse in comodato d’uso gratuito a parenti per essere adibite ad abitazione principale (così come chiarito dalla Circolare N.1/DF del 17 febbraio 2016);
• L'esenzione dall'imposta municipale per tutti i terreni agricoli ricadenti nel comune di Soleto;
Si fa presente che in caso di mancato dell’acconto IMU 2018 entro le scadenze è possibile sanare il versamento mediante il ravvedimento operoso. Esso è attivato con il versamento del tributo più sanzione e interessi, ed espressa indicazione nell’apposita casella del modello F24.
Ai sensi del DLgs 158/2015 l’ammontare della somma è così determinata:
1. versamento dell'imposta dovuta entro 14 giorni dalla scadenza: sanzione dello 0,1% giornaliero del valore dell'imposta;
2. dal 15° al 30° giorno di ritardo: sanzione fissa del 1,5% dell'importo da versare;
3. è applicabile dopo il 30° giorno di ritardo e fino al 90° giorno: sanzione fissa del 1,67% dell’importo da versare;
4. è applicabile dopo il 90° giorno di ritardo ma comunque entro i termini di presentazione della dichiarazione relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione: sanzione fissa del 3,75% dell'importo da versare.
Tassi di interesse applicati per il Ravvedimento operoso per il 2018: 0,3% annuo (Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 13 dicembre 2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 292 del 15 dicembre 2017).

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina